EPISODIO 02 – In bocca al Lupo

Blog in italiano

In questo episodio Massimo intervista “un italiano vero” suo cugino Federico, uno dei pochi allevatori allo stato brado rimasti in Italia. Federico fin da quando era piccolo ha seguito il nonno negli allevamenti montani, dislocati in inverno nella regione Puglia ed in estate negli Abruzzi, fino a farla diventare la sua professione attuale.

Federico ci racconta una delle attività più belle che svolge durante il suo lavoro: la transumanza.

Qui una poesia di Gabriele D’Annunzio:

i pastori:

Settembre, andiamo. È tempo di migrare.

Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori

lascian gli stazzi e vanno verso il mare:

scendono all’Adriatico selvaggio

che verde è come i pascoli dei monti……..

Federico ci racconta attraverso qualche aneddoto come si sia evoluta negli anni la transumanza, da lunghi viaggi a piedi negli anni ‘70 attraverso sentieri creati dagli antichi romani, i tratturi, fino ai giorni nostri con l’utilizzo di treni e ora di camion.

Mario fa notare che Massimo ha parlato con accento del Sud intervistando suo cugino e Massimo gli dice che gli viene spontaneo farlo quando si relaziona con persone del suo paese di nascita. E’ una forma che viene chiamata code switching.

Rifacendosi agli animali Mario Paolo e Massimo, spiegano perché  per augurare fortuna si dica “In bocca al lupo”, al quale bisognerebbe rispondere “grazie” o “lunga vita al lupo” ma che invece l’italiano vero risponde con “crepi!” o “crepi il lupo”.

Un altro modo di dire da Italiano vero usato per augurare buona fortuna, molto colloquiale e poco raffinato pertanto da non usare in ambienti formali e “in culo alla balena”, che sembri derivi da una vicenda biblica. Massimo raccontandola commette l’errore di usare il sostantivo persona per “persona storica” invece che “personaggio storico”, e per questo verrà richiamato nell’episodio a seguire ;-).

Paolo alla fine fa notare che la cosa che più gli è piaciuta di questo episodio è la mucca podolica:

Massimo allora si adopererà per regalargliene  una, un po come faceva con lui suo nonno!!!

Blog in English

In this episode Massimo interviews “a real Italian,” his cousin, Federico, one of the few breeders left in Italy. Federico has been following his grandfather’s work since he was a child on the mountain farms. He would spend his winters in the Puglia region and the summers in Abruzzi, until he came into his current profession. Federico tells us about one of the most beautiful experiences he felt in his work: transhumance.

Here is a poem by Gabriele D’Annunzio:

The shepherds:

September, come. It is time to migrate.

Now in the land of Abruzzi, my shepherds,

Leave the pens and go to the sea:

they go down to the wild Adriatic

that green like the mountain pastures…

Federico tells us, through anecdotes, how transhumance evolved over the years, from long journeys on foot in the 1970s through paths created by the ancient Romans and sheep tracks (i tratturi), to the present day, with the use of trains and trucks.

Mario pointed out that Massimo spoke with a Southern accent while interviewing his cousin and Massimo tells Mario that it comes naturally to him when he is talking with people from the region of his birthplace. This is called code switching.

When referring to animals, Mario, Paolo, and Massimo explain why, when we say “Good luck,” we should respond “thank you” (grazie) or “long life to the wolf” (“lunga vita al lupo,”In bocca al lupo). Instead, the true Italian responds with “crepi” or “crack.” Or, a true Italian might say, “crepi il lupo” “The wolf cracks!”

Another way of saying “good luck” that a true Italian would say, and one which is very colloquial and not as refined to use in formal environments is: “in culo alla balena” or “in the ass to the whale.” This is derived from a Bibilical story.

Massimo tells Paolo he made the mistake of using the noun for “historical person” or “persona storica,” instead of “personaggio storico” or “historical character.”

Paolo finally points out that the thing he liked most about this episode is the podolica cow:

Massimo tells Paolo that he will give him one, just like his grandfather did with him.


Cover Photo by Kalkin Kumar on Unsplash

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Name

E-Mail

Website

Comment

L'Italiano Vero è un progetto libero finanziato dagli ascoltatori e dalle ascoltatrici.

EPISODIO 02 – In bocca al Lupo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi