23 – Volare oh oh

Blog in italiano

Tempo di lettura: 2 min
________________

Oggi parliamo di: modi di dire con la parola volo

 

Bentornati Italiani Veri,

 

la puntata inizia con uno scoppiettante Cubo che ci allieta, per introdurre l’argomento di oggi, con una delle canzoni più famose della storia della musica italiana: “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno. Probabilmente il festival di Sanremo, evento nazionale a cui il popolo italiano è molto legato, ha influenzato l’animo musicale di Massimo.

 

Massimo e Paolo hanno “preso al volo” la proposta che avevo fatto in conclusione della puntata “Mamma ho perso l’aereo” (episodio 22): approfondiamo, quindi, con battute ed esempi il significato di alcune espressioni, molto italiane, legate alla parola volo.

 

Prendere al volo” viene utilizzato per descrivere una situazione in cui un oggetto è preso immediatamente durante un lancio. “Prendere al volo” significa anche prendere subito, senza bisogno di riflessione, senza perdere tempo, un’occasione o un invito. “

 

Un’espressione molto simile è “cogliere al volo”: “cogliere al volo un’occasione” o una proposta accettandola immediatamente appena viene formulata. In senso figurato può indicare il cogliere immediatamente un’allusione o una battuta  capendone prontamente il significato (insomma, quello che non 😉 sono riuscita a fare io con la battuta di Massimo alla fine dell’episodio 20, “Il latino vero”).

 

Solitamente Massimo, Paolo e io quando registriamo le nostre puntate ci “capiamo al volo” cioè ci capiamo subito senza bisogno di ulteriori spiegazioni.

 

Prendere il volo” significa invece fuggire, scomparire; è usato soprattutto per indicare persone che scappano o se ne vanno di fretta, fuggendo da una situazione pericolosa o compromettente. In senso figurato viene utilizzato per indicare quando una donna lascia la casa dei genitori per sposarsi: come un uccellino che prende il volo per lasciare il nido materno. 

 

Sempre con questo significato metaforico si può usare quest’altra espressione “Spiccare il volo” che può essere anche impiegata per indicare che qualcosa è partito bene, e continua bene in modo indipendente, così come l’uccellino è ormai grande abbastanza per volare: “un mio progetto ha spiccato il volo”, l’azienda in cui lavoro “ha spiccato spiccato il volo”.

 

Cosa significa, invece, fare un “volo pindarico”?

In un discorso o in uno scritto si utilizza questo modo di dire per indicare un passaggio repentino da un argomento a un altro apparentemente privo di relazione con il precedente. Si usa in senso negativo e dispregiativo per descrivere discorsi sconclusionati o si può usare in modo ironico per indicare l’esposizione di progetti, teorie o speranze che appaiono di primo occhio molto utopistici e illusori, eccessivamente ambiziosi. Questa espressione ha un’origine classica: il poeta lirico Pindaro, vissuto in Grecia verso la fine del 500 a.C., proponeva uno stile libero nei suoi inni poetici dedicati alle gare sportive panelleniche: solitamente iniziava con un accenno ai vincitori per poi passare rapidamente a celebrare qualche divinità, a narrare una leggenda e così via.

Massimo ci ricorda che un modo di dire, dal significato molto simile, è “passare di palo in frasca”: usata per indicare quando in un discorso scritto e orale si passa da un argomento all’altro senza particolari nessi. Anche questa espressione ha un’origine dotta: nell’antichità indicava il passaggio da uno stato nobiliare (il palo era solitamente il simbolo araldico delle famiglie nobili) a uno stato più umile (la frasca era il simbolo delle osterie plebee).

 

Ultime espressioni molto utilizzate tra i giovani sono “volare alto e “volare basso”.

“Volare alto” può essere impiegato come un invito a non preoccuparsi delle piccolezze della vita di ogni giorno ma può essere utilizzato anche per descrivere il comportamento ambizioso di una persona che si dà delle arie ed esagera nelle sue condizioni…e proprio per questo l’invito che si potrebbe farle è “vola basso”, torna perciò con i piedi per terra. 

 

Sperando di non aver fatto un “volo pindarico” e di esserci fatti “capire al volo”, vi salutiamo.

Blog in Italiano by Michela

►Ti piace il nostro podcast? sostienici al costo di un caffè
senza di voi non ci sarebbe il podcast:
https://www.patreon.com/litalianoveropodcast

►Contattaci per idee su nuovi episodi:
https://www.litalianovero.it/wp/contatti/

►Facebook:
https://www.facebook.com/litalianoveropodcast/

►Instagram:
https://www.instagram.com/litalianoveropodcast/

 

Blog in Inglese

Our team member and translator, Lee is working hard during this time and she can’t translate the blog. We hope she will come back soon! If you want to help us to translate (in your own language) and be part of our team please do not hesitate to contact us.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Name

E-Mail

Website

Comment

L'Italiano Vero è un progetto libero finanziato dagli ascoltatori e dalle ascoltatrici.

23 – Volare oh oh

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi